Sul palco del MIUR brillano i 15 vincitori “Campioni di vita in un Ciak”
Da oggi in poi il “Ciak” del Concorso Nazionale “Valori in Moviemento” sarà il nuovo tormentone di tutti gli studenti e docenti d’Italia.
Gira il tuo cortometraggio e diventa campione di vita in un Ciak!: alla sfida lanciata dalla Direzione Generale per il Personale Scolastico del Ministero dell’Istruzione ed all’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping hanno risposto oltre 150 scuole di tutta Italia, di ogni ordine e grado, e più di 5.000 studenti. Un successo inaspettato.

Realizzata con la collaborazione del CONI, dell’Ecologico International Film Festival e di Rai Gulp, l’iniziativa ha entusiasmato non solo i partecipanti ma anche le istituzioni.
A dare il via alla Cerimonia, presentata dal Segretario Generale dell’Osservatorio e medaglia olimpica Luca Massaccesi e dalla preziosa Portavoce dell’Associazione Paola Ferrari, dopo il benvenuto musicale del M° Gaia Camilla Federica Laforgia, è stato il bellissimo saluto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, letto dal Dirigente Vicario della Direzione Generale per il Personale Scolastico Gildo De Angelis. Parole di elogio condivise anche dal Sottosegretario di Stato Roberto Reggi, intervenuto in rappresentanza del Ministro Stefania Giannini: “Dobbiamo proporre modelli positivi per offrire ai ragazzi l’opportunità di mettersi in gioco nella vita.
Come questo progetto che ha riscosso grande partecipazione sul territorio”. Un obiettivo che “Valori in Moviemento” sembra aver centrato: “E’ l’esempio della vera compenetrazione della scuola nella società”, come sottolineato dal Capo Dipartimento per l’Istruzione Luciano Chiappetta.

Motivo di grande orgoglio per il Dirigente dell’Ufficio VII della direzione Generale per il Personale Scolastico Luigi Calcerano, rappresentato dalla dott.ssa Stefania Petrera, e per il Presidente dell’Osservatorio Serena Parisi che, con grande soddisfazione e gratitudine, ha riportato il saluto del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Vincenzo Spadafora, molto vicino all’Osservatorio, e del Premier Matteo Renzi, impegnato per i lavori del G7. La cooperazione, infatti, è pane quotidiano per l’Osservatorio.
A ricordarlo il Presidente Onorario Gianni Gola: “L’Osservatorio non vuole essere autoreferenziale ma collaborare in sinergia con enti e istituzioni.
Per contrastare il disagio giovanile bisogna intervenire in modo serio e concreto con strumenti di crescita come lo Sport, che è di sicuro il migliore alleato della Scuola”.
Nulla di più vero per il “Capitano” e Testimonial della manifestazione Pino Insegno che con la sua straordinaria capacità comunicativa, ironia a far da spalla, ha lanciato un messaggio importante: “Chi segue lo sport e l’arte è difficile che segua la droga. Gli insegnanti sono da elogiare perché mantengono la sfida per stimolare i ragazzi, vivendo con attenzione la loro quotidianità. Dobbiamo unirci a loro e sentirci tutti parte di uno scopo fondamentale”. Altro esempio di realtà tangibile in tal senso è “Una Vita da Social”, la campagna educativa itinerante della Polizia di Stato promossa dal Ministero dell’Interno in collaborazione con il MIUR, presentata dal Vice Questore e Responsabile del progetto dott. Mario Argenio.

La parola è poi passata ai campioni olimpici e mondiali presenti, il capofila Roberto Cammarelle, Luigi Busa, Felice Mariani, Vito Toraldo e Andrea Giocondi che, insieme a numerosi personaggi ed autorità tra cui l’attrice Laura Schettino, il Presidente della Sezione Minori della Corte d’Appello di Roma Alida Montaldi e il Direttore Responsabile di Dire Nicola Perrone, hanno premiato le 15 scuole vincitrici.

 

Leggi di più su: http://www.bullismoedoping.it/

 

 

vito-toraldo-bullismo-gerini

Roberto-cammarelle